Categorie

Regioni

Chalet dei Mercatini di Natale offerti in uso ai ristoratori di Caen e Erbourg

Mercatini.travel
News

 

È un’idea che si sta facendo strada in Francia. Altre grandi città hanno già lanciato l’operazione. Gli chalet dei nostri mercatini di Natale vengono offerti in uso  ai ristoratori di Caen e Cherbourg per la vendita da asporto nel centro della città.

L’idea sta prendendo piede in Francia. Alla fine di febbraio, è venuta da una proposta politica di elettori  di destra, accompagnati dall’Umih (Union des Métiers et des Industries de l’Hôtellerie) e dalla catena Métro . L’operazione “place aux restos”. L’idea è  quella di dare spazio ai ristoratori sui vari marketplace in Francia.
L’idea è venuta ai proprietari di ristoranti intervistati

Nelle ultime settimane, molte città hanno iniziato a sviluppare questo  concetto.Così perché non andare oltre e offrire un servizio giornaliero utilizzando gli chalet di legno dei mercatini di Natale? E poi, nel centro della città, sviluppare una modalità “food truck” in “food house”.

“I ristoratori dovranno ancora organizzare la loro cucina e la catena del freddo prima di offrire questo servizio da asporto. Tutto questo non è senza vincoli, ma alcuni possono essere interessati. Hanno inviato loro una lettera per contare il numero di persone interessate e vedere cosa è fattibile”, spiega il municipio di Caen. Le decisioni saranno prese il più presto possibile, a seconda del feedback.

A Caen, diverse decine di chalet possono essere montati abbastanza rapidamente (una cinquantina) e installati in diverse zone.

Anche a Cherbourg la riflessione è in corso. “È nostra responsabilità aiutare i ristoratori il più possibile“, spiega Sébastien Fagnen, vicesindaco.

Aperto dalle 10 alle 15: per le persone che lavorano

A Limoges, l‘esperimento condotto per diverse settimane è stato un vero successo: alcune persone sono felici di essere di nuovo in contatto con i clienti, altre sono felici di aver finito di prepararsi  il pranzo che si portano da casa a lavoro.

In questo “villaggio di ristoranti”, la vita è in pieno svolgimento tra le 10 e le 15 ore.

Da diversi mesi, i ristoratori stanno lavorando per trovare un metodo di consegna per alcuni, e per sviluppare “il click and collect” per altri. Riusciranno ad attuate questa “brillante” idea?