Categorie

Regioni

Una storia molto internazionale di Babbo Natale, Joelopukka e Santa Claus

“Joulu”, in finlandese, significa “Natale”. La parola deriva dall’antico germanico “Jule”. Così nel calendario degli antichi tedeschi denotava un periodo abbastanza lungo di feste tradizionali. Gradualmente la parola e la tradizione, insieme ai tedeschi si diffuse in tutta la Scandinavia, dove i finlandesi la adottarono.

Con l’adozione del cristianesimo, l’antica festa fu trasformata in Natale, conservando però il suo nome precedente. Ancora oggi nei paesi nordici, così come in alcuni di lingua inglese, si usa dove la parola intera, dove solo il prefisso “Jule” denota l’appartenenza alla tradizione natalizia.

Un buon esempio di questa formazione di parole festive è il nome finlandese del personaggio che appare nella casa la notte prima di Natale: Joelupukki, o ‘la capra di Natale’.

 

In Finlandia, come in altri paesi cristianizzati, le tradizioni pagane locali furono gradualmente trasformate in cristiane. Tra gli altri spiriti e divinità nel territorio della Finlandia pagana c’era un certo personaggio che visitava le case per avere comunione con la generazione in crescita, ma che aveva poco in comune con il moderno buon uomo sovrappeso dalla barba bianca in abito rosso. Il cittadino in questione indossava un cappotto con i capelli fuori e un paio di corna di capra prominenti sulla sua testa pelosa.

Il target principale di Joelupukki il giorno di Natale non erano ragazzi e ragazze simpatici, ma al contrario, i loro bambini cattivi della stessa età. Invece di un sacco di regali dietro la schiena, teneva un fascio di corna sotto il braccio.

A coloro che erano interessati all’immagine del capraio pagano finlandese, consigliamo il film “russo Rare Exports”, in “Santa Claus for Sale”. C’è una descrizione piuttosto dettagliata del personaggio stesso, le sue abitudini e predilezioni. Viene anche descritta la versione originale della comparsa della sfilza di Babbi Natale moderni.

Babbo Natale stesso ha le sue radici in Asia Minore, in quella che oggi è la Turchia. Non lontano dalla città di Antalya, che è così cara al cuore di molti russi, si possono visitare le rovine dell’insediamento di Mira, uno dei centri più importanti dell’antica Licia e del primo cristianesimo. A cavallo tra il terzo e il quarto secolo d.C. il vescovo lì era Nicola. Più tardi fu canonizzato e divenne noto con il nome di Nicola il Taumaturgo o Nicholas the Wonderworker. Tra le altre sue gesta rimaste nella storia c’è l’abitudine di fare regali ai bambini del posto il 6 dicembre, giorno dei bambini.

Gli europei ne furono informati dai marinai olandesi – San Nicola è anche venerato come patrono dei marinai. Come un’antica festa tedesca, la tradizione di dare è piaciuta, si è radicata e col tempo è diventata uno degli attributi del Natale.

Nel 1809, uno scrittore americano di nome Washington Irving (“Sleepy Hollow” – quello con Johnny Depp? La sceneggiatura è basata su uno dei racconti di Washington Irving), in The Story of New York, raccontato da Diederich Niekerbocker, descrive San Nicola come un anziano signore vivace e placido che vola sui tetti su un carrello. Al volo, fa un ben mirato “tiro da tre” (molto prima che il basket fosse inventato, si badi bene!) lanciando i regali nei camini che tremolano sotto. Nella stessa opera, San Nicola mostra gli olandesi che arrivano nel Nuovo Mondo dove dovrebbero fondare la Nuova Amsterdam, oggi meglio conosciuta come la Grande Mela. Il signore che Irving descrive ha però un difetto perdonabile: fuma la pipa.

Booking.com

 

Lo sviluppo dell’immagine di Babbo Natale continuò in America nel 1822 quando Clement C. Moore scrisse una poesia su San Nicola per i suoi bambini.

Nell’opera, volava già su una slitta trainata da renne. È possibile che il tema delle renne sia stato ispirato dall’interazione dell’autore con gli immigrati del Nord Europa.

Il suo aspetto finale, ben noto a noi, Santa Claus ha acquisito tutta la stessa America nel 1863. L’americano Thomas Nast ha dipinto un nonno dalle guance rosee e dalla barba bianca in abiti rossi, a cavallo di una slitta trainata da renne.

Anche se gli americani hanno passato un secolo a lavorare sull’immagine di Babbo Natale, i primi a pensare che il vecchio con la sua numerosa famiglia – renne, elfi e pile di regali – dovrebbe avere un posto dove vivere sono stati in Finlandia

i finlandesi sono stati i primi a intuire che il vecchio con la sua numerosa famiglia – renne, elfi e montagne di regali – doveva stabilirsi da qualche parte.

La ragione potrebbe essere che il finlandese Joelupukki, al contrario di Babbo Natale, è sposato. Di sua moglie, tuttavia, non ama parlare, ma si sa che ne ha una. Il suo nome è “Baba Muori”. Durante il periodo natalizio, lei seleziona e incarta i regali insieme agli elfi. Durante il resto della stagione gestisce la casa e si assicura che suo marito abbia a disposizione un numero sufficiente di elfi laboriosi. Se c’è improvvisamente un calo tra loro, la vecchia Muori va nella foresta, raccoglie pigne di abete rosso, le carica in un calderone e durante la notte avvolge il calderone con una coperta calda. Al mattino, gli elfi si schiudono dai coni, pronti a iniziare immediatamente i loro compiti.

Il principale da Natale al giorno di Natale è quello di monitorare i bambini a distanza. Gli elfi siedono nella loro grotta sotto la montagna Corvatunturi e fanno rapporti per il capo sul comportamento di ogni bambino sul pianeta.

Fu solo dieci anni dopo l’indipendenza della Finlandia che la città di Joloupukki fu resa pubblica esattamente dove viveva.

Markus Rautio, conosciuto anche come “Zio Markus”, era un conduttore di programmi per bambini e capo di tutte le trasmissioni per bambini e giovani nella Finnish Broadcasting Corporation. Nel 1927 fu il primo a dire agli ascoltatori che la casa di Joelupukki/Santa Claus si trovava nella Lapponia finlandese sulla montagna a tre teste Korvatunturi.

Oggi, il confine nazionale tra la Finlandia e la Russia corre proprio in mezzo alle tre cime.

 

Il ritratto più famoso di Babbo Natale fu dipinto dall’americano Haddon Hubbard Sandblom, soprannominato “Sonny” (“Sunny”) per la compagnia Coca-Cola. Babbo Natale come lo conosciamo da quando è apparso per la prima volta sulle pagine del Sutherday Evening Post nel 1931. L’immagine inventata da Haddon è ancora usata dalla Coca-Cola (e non è l’unica!). Vale la pena notare che i genitori di Haddon Sandblom sono emigrati nel Nuovo Mondo dall’Impero Russo – da quella periferia nazionale che nel XIX secolo era chiamata Granducato di Finlandia.

Suo padre era uno svedese delle isole Aland (allora e oggi parte della Finlandia), e sua madre era una svedese della Svezia continentale.

Sam Haddon è nato nel 1899 a Chicago. Negli anni 20 del secolo scorso, ha organizzato un’agenzia pubblicitaria. I suoi clienti erano le compagnie “Ford”, “Lincoln”, “Maxwell House”, “Colgate”, “Palmalive” e molte altre. Ma tutto il mondo lo conosce e lo ricorda grazie a un singolo personaggio creato per ordine della Coca-Cola per il Natale 1931.

E il personaggio stesso è presentato in tutto il mondo come Haddon Hubbard Sandblom, soprannominato “Sonny”, quasi un secolo fa.