Categorie

Regioni

La Storia dell’Albero di Natale

Mercatini.travel
News

L’abete sempreverde è stato tradizionalmente usato per celebrare le feste invernali (pagane e cristiane) per migliaia di anni. I pagani ne usavano i rami per decorare le loro case durante il solstizio d’inverno, perché li faceva pensare alla primavera in arrivo. I romani usavano gli abeti per decorare i loro templi durante la festa dei Saturnalia. I cristiani lo usano come segno di vita eterna con Dio.

Nessuno è veramente sicuro di quando gli abeti furono usati per la prima volta come alberi di Natale. Probabilmente iniziò circa 1000 anni fa nel Nord Europa. Molti dei primi alberi di Natale sembrano essere stati appesi a testa in giù al soffitto con catene (appesi a lampadari/ganci di illuminazione).

Altri primi alberi di Natale, in molte parti del nord Europa, erano piante di ciliegio o biancospino (o un ramo della pianta) che venivano messe in vasi e portate all’interno in modo che potessero fiorire nel periodo natalizio. Se non ci si poteva permettere una pianta vera, la gente costruiva piramidi di legno che venivano decorate per sembrare un albero con carta, mele e candele. A volte venivano portate in giro di casa in casa, piuttosto che essere esposte in una casa.

È possibile che gli alberi piramidali di legno fossero come gli alberi del paradiso. Venivano usati nel medioevo nei drammi dei misteri o dei miracoli tedeschi che venivano recitati davanti alle chiese la vigilia di Natale. Nei primi calendari ecclesiastici dei santi, il 24 dicembre era il giorno di Adamo ed Eva. L’Albero del Paradiso rappresentava il Giardino dell’Eden. Veniva spesso fatto sfilare per la città prima dell’inizio della rappresentazione, come un modo per pubblicizzare lo spettacolo. Le commedie raccontavano storie della Bibbia a persone che non sapevano leggere.

Il primo uso documentato di un albero nelle celebrazioni di Natale e Capodanno è discusso tra le città di Tallinn in Estonia e Riga in Lettonia! Entrambe sostengono di aver avuto i primi alberi: Tallinn nel 1441 e Riga nel 1510. Entrambi gli alberi furono messi dalla “Confraternita delle Teste Nere” che era un’associazione di mercanti locali non sposati, proprietari di navi e stranieri in Livonia (ciò che oggi è Estonia e Lettonia).

Poco si sa di entrambi gli alberi, a parte il fatto che venivano messi nella piazza della città, venivano fatti ballare dalla Confraternita delle Teste Nere e poi venivano dati alle fiamme. Questo è come l’usanza del tronco di Yule. La parola usata per “albero” potrebbe anche significare un albero o un palo, l’albero potrebbe essere stato come un “Albero del Paradiso” o un candelabro di legno a forma di albero piuttosto che un albero “reale”.

Nella piazza della città di Riga, la capitale della Lettonia, c’è una targa con inciso “Il primo albero di Capodanno a Riga nel 1510”, in otto lingue.

Un’immagine della Germania del 1521 che mostra un albero che sfila per le strade con un uomo a cavallo dietro di esso. L’uomo è vestito da vescovo, probabilmente rappresenta San Nicola.

Nel 1584, lo storico Balthasar Russow scrisse di una tradizione, a Riga, di un abete decorato nella piazza del mercato dove i giovani “andavano con uno stuolo di fanciulle e donne, prima cantavano e ballavano lì e poi davano fuoco all’albero”. C’è una testimonianza di un piccolo albero a Breman, in Germania, del 1570. È descritto come un albero decorato con “mele, noci, datteri, pretzel e fiori di carta”. Era esposto in una ‘guild-house’ (il luogo di incontro di una società di uomini d’affari della città).

La prima persona a portare un albero di Natale in una casa, nel modo in cui lo conosciamo oggi, potrebbe essere stato il predicatore tedesco del XVI secolo Martin Lutero. Si racconta che, una notte prima di Natale, stava camminando nella foresta e alzò lo sguardo per vedere le stelle brillare attraverso i rami degli alberi. Era così bello che tornò a casa e disse ai suoi figli che gli ricordava Gesù, che aveva lasciato le stelle del cielo per venire sulla terra a Natale. Alcune persone dicono che questo è lo stesso albero di ‘Riga’, ma non lo è! L’albero di Riga ha avuto luogo qualche decennio prima.

L’usanza di avere alberi di Natale potrebbe aver viaggiato lungo il Mar Baltico, dalla Lettonia alla Germania. Nel 1400 e 1500, i paesi che oggi sono la Germania e la Lettonia facevano parte di due grandi imperi che erano vicini.

Un’altra storia dice che San Bonifacio di Crediton (un villaggio nel Devon, Regno Unito) lasciò l’Inghilterra e viaggiò in Germania per predicare alle tribù tedesche pagane e convertirle al cristianesimo. Si dice che si sia imbattuto in un gruppo di pagani che stavano per sacrificare un giovane ragazzo mentre adoravano una quercia. Per rabbia e per fermare il sacrificio, si dice che San Bonifacio abbia abbattuto la quercia e, con suo grande stupore, un giovane abete spuntò dalle radici della quercia. San Bonifacio prese questo come un segno della fede cristiana e i suoi seguaci decorarono l‘albero con candele in modo che San Bonifacio potesse predicare ai pagani di notte.

Divennero molto popolari in tutto il paese dalla metà degli anni 1840, quando i resoconti dell'”albero reale” furono stampati sui giornali del regno Unito. Nel 1848, un disegno di “The Queen’s Christmas tree at Windsor Castle” fu pubblicato nell’Illustrated London News. Mostrava la regina Vittoria, il suo marito tedesco, il principe Alberto e i loro figli piccoli intorno a un albero che era sistemato su un tavolo. Il disegno fu ripubblicato nel Godey’s Lady’s Book, Philadelphia nel dicembre 1850 (ma rimossero la corona della regina e i baffi del principe Alberto per farlo sembrare “americano”!)

La pubblicazione del disegno ha aiutato gli alberi di Natale a diventare popolari nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

In epoca vittoriana, l’albero sarebbe stato decorato con candele per rappresentare le stelle. In molte parti d’Europa, le candele sono ancora usate per decorare gli alberi di Natale.

Le “gonne” dell’albero di Natale sono iniziate come “tappeti” dell’albero di Natale. Erano fatte di tessuto pesante, spesso decorate e con fronzoli fantasiosi intorno ai bordi, e venivano usate sia sul pavimento che sui tavoli, e andavano sotto gli alberi e i loro stand – piuttosto che ‘intorno’ ad essi. Erano usati per catturare gli aghi degli alberi e anche per proteggere il pavimento o i piani dei tavoli dalla cera che colava dalle candele sugli alberi.

In Germania all’inizio/metà del 1800 era anche ‘di moda’ avere una scena della foresta e/o un presepe sotto gli alberi (specialmente se gli alberi erano posti su tavoli) e così queste scene stavano anche sui tappeti d’albero.

A questo punto gli alberi erano normalmente messi in vasi (se avevano ancora le radici) o erano attaccati ad un pezzo più grande di legno o ad un altro supporto pesante (se erano stati tagliati) e così le scene aiutano a nascondere questi.

Negli anni 1860 cominciarono ad essere fatti dei veri e propri porta-alberi di metallo, per gli alberi tagliati. Se eri ricco, potevi ottenerli in forme molto fantasiose – e alcuni avevano anche dei carillon al loro interno, in modo che “suonassero” le melodie di Natale!

Booking.com

Anche i porta-alberi meno costosi divennero disponibili ed erano fatti di metalli più economici (e non erano nemmeno così belli), così i ‘tappeti’ divennero più piccoli e furono messi ‘intorno’ ai porta-alberi e divennero le gonne dell’albero di Natale che abbiamo oggi.
Anche l’orpello è stato creato in Germania, dove originariamente era fatto da sottili strisce di argento battuto. Ma quando fu inventato l’orpello di plastica o fatto dall’uomo, divenne molto popolare perché era molto più economico dell’argento vero e anche più leggero per andare sull’albero!

Ci sono anche storie popolari su come l’orpello è stato creato – dal ragno di Natale!

Queste storie sembrano essere iniziate nella Germania orientale, in Polonia o in Ucraina, ma vengono raccontate anche in alcune parti della Finlandia e della Scandinavia.

Tutte le versioni della storia coinvolgono una famiglia povera che non può permettersi di decorare un albero per Natale (in alcune versioni l’albero è cresciuto da una pigna nella loro casa, in altre la famiglia ha comprato un albero in casa). Quando i bambini vanno a dormire la vigilia di Natale un ragno copre l’albero di ragnatele. Poi la mattina di Natale le ragnatele si trasformano magicamente in fili d’argento e d’oro che decorano l’albero!

Alcune versioni della storia dicono che è la luce del sole che ha cambiato le ragnatele in argento e oro, ma altre versioni dicono che è San Nicola / Babbo Natale / Father Christmas / das Christkind che ha fatto la magia.

In alcune parti della Germania, Polonia e Ucraina si ritiene che porti fortuna trovare un ragno o una ragnatela sull’albero di Natale. Le decorazioni dell’albero di Natale a forma di ragnatela sono popolari anche in Ucraina. Sono chiamate ‘pavuchky’ (che significa ‘piccolo ragno’) e le decorazioni sono normalmente fatte di carta e filo d’argento. Potresti anche mettere una ragnatela artificiale sul tuo albero!
Luci dell’albero di Natale

Ci sono alcune affermazioni diverse su chi ha inventato le prime stringhe di luci ‘elettriche’ dell’albero di Natale. Nel 1880, il famoso inventore Thomas Edison mise alcune delle sue nuove lampadine elettriche nel suo ufficio. E nel 1882 Edward Johnson, che era un collega di Edison, legò a mano 80 lampadine rosse, bianche e blu insieme e le mise sul suo albero nel suo appartamento di New York (c’erano altre due stringhe di 28 luci montate dal soffitto!)

Nel 1890 la società Edison pubblicò un opuscolo che offriva servizi di illuminazione per il Natale. Nel 1900 un’altra pubblicità della Edison offriva lampadine che si potevano affittare, insieme al loro sistema di illuminazione, per usarle a Natale! Ci sono registrazioni in un diario del 1891 dove i coloni del Montana usavano luci elettriche su un albero. Tuttavia, la maggior parte delle persone non poteva facilmente usare luci elettriche sull’albero in questo periodo, perché l’elettricità non era ancora ampiamente installata nelle case. Ma ai ricchi piaceva mettersi in mostra con luci installate solo per Natale, Con costi veramente esagerati e alla portata di pochi.

Le luci elettriche dell’albero per la prima volta furono  conosciute negli Stati Uniti nel 1895, quando il presidente Grover Cleveland fece decorare l’albero della Casa Bianca con le luci perché piacevano alle sue giovani figlie! La tradizione dell’albero di Natale nazionale sul prato della Casa Bianca iniziò nel 1923 con il presidente Calvin Coolidge.

La prima stringa di luci elettriche disponibile in commercio, che più persone potevano permettersi, fu pubblicizzata nel 1903 quando una stringa di 24 luci costava 12 dollari o si potevano affittare luci da 1,50 dollari. Questo era ancora abbastanza costoso, ma molto più economico di 300 dollari il prezzo del 1891!!

Un’altra affermazione sulla prima vendita diffusa di stringhe di luci viene da Ralph Morris, un telefonista americano. Nel 1908, usò il filo del telefono per mettere insieme piccole lampadine da una centrale telefonica e decorò con esse un albero da tavolo. Leavitt Morris, il figlio di Ralph, scrisse un articolo nel 1952 per il Christian Science Monitor, su suo padre che inventava le luci dell’albero di Natale, poiché non era a conoscenza delle luci di Edison.

Nel 1885 un ospedale di Chicago bruciò a causa delle candele su un albero di Natale. Nel 1908 le compagnie di assicurazione negli Stati Uniti cercarono di ottenere una legge che vietasse l’uso delle candele sugli alberi di Natale a causa dei molti incendi che avevano causato. Tuttavia, la gente usava ancora le candele per illuminare gli alberi di Natale e ci furono più incendi.

Nel 1917, un incendio causato dalle candele dell’albero di Natale a New York, diede un’idea a un adolescente chiamato Albert Sadacca. La sua famiglia veniva dalla Spagna e faceva gabbie per uccelli in vimini che si illuminavano. Albert pensò di usare le luci in lunghe stringhe e suggerì anche di dipingere le lampadine con colori brillanti come il rosso e il verde. Negli anni seguenti, lui e i suoi fratelli formarono la NOMA Electric Company, che divenne un nome molto famoso nel campo delle luci di Natale (in realtà ho alcune vecchie luci NOMA nelle mie decorazioni natalizie!)

Il maggior numero di luci accese contemporaneamente su un albero di Natale è 194.672 ed è stato fatto dal Kiwanis Malmedy / Haute Fagnes Belgium a Malmedy, Belgio, il 10 dicembre 2010!

Molte città e villaggi hanno i loro alberi di Natale. Uno dei più famosi è l’albero in Trafalgar Square a Londra, Inghilterra, che viene dato al Regno Unito dalla Norvegia ogni anno come regalo di ringraziamento per l’aiuto che il Regno Unito ha dato alla Norvegia nella seconda guerra mondiale. La Casa Bianca negli Stati Uniti ha un grande albero sul prato anteriore dal 1920.

l record per il maggior numero di alberi di Natale abbattuti in due minuti è 27 e appartiene a Erin Lavoie dagli Stati Uniti. Ha stabilito il record il 19 dicembre 2008 sul set del Guinness World Records: Die GroBten Weltrekorde in Germania.

Gli alberi di Natale artificiali hanno cominciato a diventare popolari all’inizio del 20° secolo. Nel periodo edoardiano gli alberi di Natale fatti con piume di struzzo colorate erano popolari alle feste ‘alla moda’. Intorno al 1900 ci fu anche una breve moda per gli alberi bianchi – quindi se avete pensato che gli alberi colorati sono una nuova invenzione non lo sono! Nel corso degli anni gli alberi artificiali sono stati fatti con piume, cartapesta, metallo, vetro e molti tipi diversi di plastica.

L’albero di Natale artificiale più alto era alto 52m (170,6 piedi) ed era coperto di foglie verdi in PVC! Si chiamava ‘Peace Tree’ ed è stato progettato dal Grupo Sonae Distribuição Brasil ed è stato esposto nel Parco Moinhos de Vento, Porto Alegre, Brasile dal 1 dicembre 2001 al 6 gennaio 2002.

In molti paesi, diversi alberi sono usati come alberi di Natale. In Nuova Zelanda si usa un albero chiamato ‘Pohutakawa’ che ha fiori rossi e in India si decorano alberi di banane o di mango.

E voi? la vostra storia …del vostro albero di Natale?..Qual’è? …sarei curiosa e attentissima ad ascoltarla!