Categorie

Regioni

Rossetto rosso…Arma di seduzione non solo a Natale

Mercatini.travel
News

Era il 1912 migliaia di sostenitori del movimento per il suffragio marciarono davanti al salone newyorkese di Elizabeth Arden La fondatrice del marchio di cosmetici, che aveva appena aperto la sua attività due anni prima, era una sostenitrice dei diritti delle donne, e si allineò con la causa distribuendo tubi di rossetto rosso brillante alle donne in marcia.
Le leader del suffragio Elizabeth Cady Stanton e Charlotte Perkins Gilman amavano il rossetto rosso per la sua capacità di scioccare gli uomini, e le manifestanti indossarono in massa il colore audace, adottandolo come segno di ribellione e liberazione.

“Non potrebbe esserci un simbolo più perfetto delle suffragette del rossetto rosso, perché non è solo potente, è femminile”, ha detto Rachel Felder, autrice del libro “Red Lipstick: An Ode to a Beauty Icon”, in un’intervista telefonica. “Le suffragette parlavano di forza femminile, non solo di forza”.
Nel corso dei secoli il rossetto rosso ha segnalato molte cose, dal suo primo uso da parte dell’élite nell’antico Egitto e dalle prostitute nell’antica Grecia, al suo status nella prima Hollywood come simbolo di glamour. Nelle sue molte sfumature, questo colore sulle labbra è stato una potente arma culturale, carica di migliaia di secoli di significato. “Il rossetto rosso è veramente un modo per tracciare la storia culturale e lo zeitgeist della società”, ha detto Felder.

Fino a quando il rossetto non è stato reso popolare all’inizio del XX secolo, le labbra rosse erano spesso associate a donne moralmente dubbie: maleducate, sessualmente amorali, persino eretiche. Nel Medioevo, le labbra rosse erano viste come un segno di commistione con il diavolo. Il trucco “era associato a questa misteriosa, spaventosa femminilità”, ha detto Felder.
Poi, spiega il libro di Felder, quando il movimento di suffragio americano adottò le labbra rosse, lo fecero anche le loro controparti internazionali.
La bellezza è libertà’: Le millennials nordcoreane che si truccano per ribellarsi allo stato
Mentre i movimenti per i diritti delle donne si diffondevano in Europa, Nuova Zelanda e Australia, gli organizzatori britannici e americani spesso condividevano tattiche, dall’organizzazione di marce, agli scioperi della fame, a strategie militanti più aggressive. E questa solidarietà si estendeva al loro trucco. Ispirata dalle sue controparti americane, la leader delle suffragette britanniche Emmeline Pankhurst favorì un labbro rosso, che aiutò a diffondere il gesto simbolico tra i suoi compagni attivisti.
Sebbene le suffragette abbiano reso popolare il look con le labbra rosse ai loro tempi, Felder nota che c’era già uno slancio per normalizzare il rossetto tra le donne più in generale, mentre abbandonavano i corsetti restrittivi per i reggiseni e iniziavano ad adottare silhouette più snelle, disegnate da artisti del calibro di Coco Chanel.

Booking.com

Dopo che le suffragette indossarono il rossetto rosso, le esuberanti flapper dei ruggenti anni Venti seguirono l’esempio. E anche se le suffragette non sono state le uniche responsabili della diffusione del rossetto rosso, hanno incarnato l’idea della “donna moderna” in Europa e in America, ha sottolineato Felder.
Durante la seconda guerra mondiale, le labbra rosse ebbero il loro secondo atto di sfida. Adolf Hitler “odiava notoriamente il rossetto rosso”, ha detto Felder. Nei paesi alleati, indossarlo divenne un segno di patriottismo e una dichiarazione contro il fascismo. Quando le tasse resero il rossetto proibitivo nel Regno Unito, le donne si macchiavano le labbra con succo di barbabietola.
Mentre gli uomini andavano in guerra e le donne ricoprivano i loro ruoli professionali a casa, indossavano labbra rosse per entrare nella forza lavoro. Mostrava la loro resilienza di fronte al conflitto, ha spiegato Felder, e offriva un senso di normalità in tempi difficili. “Permetteva alle donne di conservare un senso della propria identità di prima della guerra”. L’illustrazione di J. Howard Miller di Rosie the Riveter, l’icona culturale che fu usata per reclutare e responsabilizzare le operaie americane, aveva in particolare le labbra sporche di ciliegia.

Nel 1941 e per tutta la durata della guerra, il rossetto rosso divenne obbligatorio per le donne che si arruolavano nell’esercito americano. I march.i di bellezza avevano capitalizzato la tendenza bellica, con Elizabeth Arden che rilasciava “Victory Red” e Helena Rubenstein che introduceva “Regimental Red”, tra gli altri.

Helena Rubenstein presentando “Regimental Red”, tra gli altri. Ma fu Arden che il governo americano chiese di creare un colore regolamentare per labbra e unghie per le donne in servizio. Il suo “Montezuma Red” si abbinava e accentuava il bordino rosso delle loro uniformi.
“Indossare il rossetto rosso per una donna in quell’epoca era così legato a… un senso di autostima femminile”, in particolare, “un’autostima femminile forte e resistente”, ha detto Felder, che ha indossato lei stessa il fiocco di bellezza quasi ogni giorno dai tempi del liceo. Dopo la guerra, attrici classiche di Hollywood come Elizabeth Taylor hanno aggiunto uno strato di glamour al look sicuro.

Oggi si sono diffusi altri simboli di protesta per l’emancipazione femminile, in particolare il cappello da figa rosa che ha dominato la Women’s March del 2017; e l’abito di “The Handmaid’s Tale” che è stato indossato a livello internazionale per le cause delle donne, comprese le manifestazioni pro-choice.
Eppure le labbra rosse hanno ancora un bel peso. In un’immagine virale del 2015, una donna macedone ha baciato lo scudo antisommossa di un ufficiale durante una protesta antigovernativa, lasciando il segno di un bacio rosso in un toccante momento di ribellione.

Nel 2018 in Nicaragua, donne e uomini hanno indossato il rossetto rosso e hanno caricato le loro foto sui social media per mostrare il loro sostegno al rilascio dei manifestanti antigovernativi. Reagivano all’attivista Marlén Chow, che ha sfidato i suoi interrogatori applicando il rossetto rosso.
Lo scorso dicembre, quasi 10.000 donne in Cile sono scese in strada indossando bende nere, sciarpe rosse e labbra rosse per denunciare la violenza sessuale nel paese.
Indossando le labbra rosse, le manifestanti di tutto il mondo hanno attinto allo stesso potere che il movimento per il suffragio ha raggiunto un secolo prima. In questa dichiarazione di bellezza audace e provocatoria, la loro eredità continua a vivere.